intest.gif (12911 byte)

Imboic (Candiemas) La Candelora 2 Febbraio - Inizia la Primavera Esoterica

La Candelora


Imbolc, Oimelc, CandIernas, Brigids Feast, Ewonicoluc, Groundliog´┐Żs Day, Lupercalia, Candelo´┐Żra: noto e celebrato in ogni tempo e in ogni parte del mondo, il Fe´┐Żstival del 2 Febbraio ´┐Ż la Grande Festa del Ritorno della Luce della tradizione Celtica, nel quale si risvegliava la Terra (Imbolc let´┐Żteralmente 'in the bel´┐Żty' of the Motber, nel ventre della Madre Ter´┐Żra). Questo Festival ´┐Ż tra i pi´┐Ż esoterici e tra i pi´┐Ż preziosi per i gran´┐Żdi benefici spirituali e materiali che dona a chi lo celebra.

E' il Festival del rinno´┐Żvamento, della purificazione, della rinnovata giovinezza del corpo e dello spirito. Oggi le nuove correnti di pensiero e le scienze alternative stanno via via riscoprendo quanto sia importante armonizzarsi con i cicli della natura e a tutti diventa sempre pi´┐Ż chiaro quanto la giovinezza del corpo sia legata a quella della mente. Imbolc ´┐Ż il Festival della Fonte di Giovinezza, dell'equilibrio della salute, del rinnova´┐Żmento profondo e della completa e perfetta purificazione.

Nella Figura: La Natura insegna alla Natura. Ignificatio et puriflicatio. [MichaelMajer. Scrutinium Chymicum, Frankfurt, 1687]

´┐ŻCuocete dunque questa Pietra, rompete´┐Żla, toglietele la nerezza cuocendola e lavandola sino a che divenga bianca. Poi rialzatela, come ad essa si addice. ´┐Ż [Pitagora, Turba Philosophorum]

´┐ŻImbiancate la Pietra e distruggete i libri perch´┐Ż i vostri cuori non si corrompano... se prima non imbiancherai il vero rosso non pu´┐Ż farsi, poich´┐Ż nessun colore pu´┐Ż passare dal primo al terzo, se non passa attraverso il secondo, cos´┐Ż non potrai passare dal nero al citrino altro che passando per il bianco ... imbianca quindi il nero e arrossa il bianco e ottieni il Magistero. ´┐Ż [Auracb DeArgentina, Prezioso Dono di Dio, 1475]

´┐Ż Vieni qui, io ti condurr´┐Ż dappertutto, Sulla vetta della pi´┐Ż superba montagna, Perch´┐Ż tu scorga la grandezza della terra e del mare E ne fruigga sincero piace´┐Żre. ´┐Ż [Artur E Waite  Lives of Alcbemistical Philosophers]

RINNOVARSI RINGIOVANIRE

La Candelora ´┐Ż il giorno dei RINNOVAMENTO E DELLA PURIFICAZIONE, fin dai tempi pi´┐Ż antichi ´┐Ż posto in questo giorno, a met´┐Ż strada esatta tra Solstizio ed Equinozio, l'inizio della PRIMAVERA ESOTERICA, momento propizio per Februare che in latino, significa purificare.

candelora.gif (9141 byte)Februarius era ed ´┐Ż il mese della PURIFICAZIONE che prelude e prepara all'esplosione di colori e di vita della Primavera. Nell'Antica Roma, in questo mese, si Celebravano i Lupercali, Riti legati alla leggenda di Romolo e Remo che sottintendevano un Risveglio iniziatico ad una nuova e pi´┐Ż ampia visione dei mondo e alle rinnovata fertifit´┐Ż e aii'abbondanza. Negli stessi giorni si festeggiava lunio Februata, Giunone Purificata e Purificatrice, che nei giorni successivi si faceva Sosp´┐Żta, ossia Salvatrice.

L'ETERNA GIOVINEZZA.

Uno dei sogni pi´┐Ż antichi dell'uomo ´┐Ż quello di mantenersi sempre giovane nell'aspetto, nel vigore dei corpo e nella lucidit´┐Ż della mente. Il mito dell'ETERNA GIOVINEZZA ricorre in tutti i popoli e in tutte le culture. Gli antichi filosofi parlavano di una misteriosa sostanza, capace di vincere l'invecchiamento, gli Alchimisti cercavano l'Elisir dell'Eterna giovinezza, e oggi, migliaia di prodotti commerciali promettono miracoli attraverso i mezzi comunicazione; vengono via via proposti nuovi stili di vita, nuove abitudini alimentari, s'incolpa l'una o l'altra sostanza, si scoprono mediatori endocrini dei l'invecchiamento, si dice che il rimedio ´┐Ż il selenio, o forse lo zinco, magari la vitamina E, ´┐Ż bene fare sport, ma anche ´┐Ż bene non esporsi al sole, eccetera. Ognuno d´┐Ż la sua ricetta, magari in tutti questi consigli qualcosa di vero ci pu´┐Ż essere, ma ´┐Ż la strada in cui viene svolta la ricerca che ´┐Ż sbagliata.

L'uomo moderno ha perso il contatto con il mondo invisibile, con la dimensione spirituale e con le forze della natura che regolano e rinnovano gli esseri viventi secondo il ritmico scandire delle stagio~´┐Ż. Non conosce pi´┐Ż quelle forze che sono in lui come in qualsiasi essere vivente, quelle forze che riempiono di gemme e di fiori i rami degli alberi ad ogni primavera e che fanno cadere la lana invernale rinnovando la pelliccia di ogni animale. Se l'uomo dimentica queste forze e spera di trovare la giovinezza in un mondo artificiale, sbaglia strada, al massimo potr´┐Ż coprire le rughe e nascondere le offese dei tempo, oppure potr´┐Ż violentare se stesso affidando ad un chirurgo estetico il compitodi rabberciare perqualche mese ci´┐Ż dhe ´┐Ż inesorabilmente invecchiato. Ma, sotto sotto, avr´┐Ż solo peggiorato le cose, il suo corpo ´┐Ż vecchio come il suo spirito, spento come il suo sguardo, la sua mente ´┐Ż offuscata e precocemente vecchia, stanca di tutto.

PURIFICAZIONE E RINNOVAMENTO PROFONDO.

Il Rito della Candelora avvicina invece l'uomo all'armonia con tutto il creato e risveglia quelle forze che da sole possono rinnovare e ringiovanire pi´┐Ż di ogni altro rimedio artificiale.

La PURIFICAZIONE indotta dalla Candelora ´┐Ż profonda e non apparenza, e rinnova il corpo in ogni organo e tessuto, perch´┐Ż guidata da una forza spirituale superiore e non perch´┐Ż stimolata da una sostanza artificiale. Il corpo guidato dallo spirito si purifica da solo e scopre in s´┐Ż quelle energie universali che fanno risvegliare la natura ad ogni primavera, le stesse che fanno mettere fiori splendenti ai vecchi rami e che ricoprono di un nuovo meraviigioso mantello di piume o di pelo gli animali.

Queste forze non sono temporanei rimedi, non mettono pezze per coprire, ma infondono una giovent´┐Ż che ´┐Ż soprattutto spirituale e il corpo ´┐Ż giovane solo se lo spirito ´┐Ż giovane; il corpo ´┐Ż sano solo se c'´┐Ż voglia di vivere, energia per fare e scoprire cose nuove, desiderio di tuffarsi nel grande risveglio della primavera. Ogni altro tentativo di fermare l'invecchiamento ´┐Ż destinato a fallire, se la persona non desidera vivere, se non ´┐Ż felice di vivere, non potr´┐Ż mai ringiovanire. La stessa cultura popolare insegna che chi soffre, chi ha subito prove dolorose dalla vita va incontro ad un invecchiamento precoce, che non ´┐Żsolo fisico, ma anche spirituale. Il pi´┐Ż grosso errore dei nostri tempi ´┐Ż di ritenere che corpo e spirito siano due cose distinte, anzi, il pi´┐Ż grosso errore ´┐Żnegare che esista uno spirito e credere che l'uomo sia solo materia, solo una macchina da alimentare nel modo migliore e da tenere in movimento per non farla arrugginire. Pensando in questo modo (sempre che una macchina possa pensare) si arriva alle assurdit´┐Ż della nostra era, dove tutto deve essere falso e artificiale, ma dove dietro tutto si nasconde una profonda infelicit´┐Ż, che qualcuno vorrebbe assopire con la piattezza intellettuale che viene largamente propagandata.

Tutto questo non pu´┐Ż durare molto, ´┐Żl'alba di un nuovo Millennio, deve farsi avanti una Scienza Nuova, che ´┐Ż anche la pi´┐Ż antica, oggi come un tempo riservata a pochi eletti, prima perch´┐Ż gelosamente nascosta, ora perch´┐Ż sconosciuta.

LA LUNGA NOTTE

Il Sole aveva iniziato ad accorciare il suo arco nel cielo, gi´┐Ż a partire dall'Equinozio d'Autunno, alla fine di Settembre. Ad Halloween (31 ottobre) ´┐Żgi´┐Ż Inverno Esoterico, le ore di buio ora sono molto di pi´┐Ż rispetto a quelle di luce, e per i popoli artici, a cui risalgono molte nostre tradizioni non solo di tipo esoterico, significava anche l'inizio della 1unga notte", due lunghi mesi di buio continuo, al pi´┐Ż rischiarati soltanto da una fugace aurora a cui seguiva subito un rapido tramonto. Erano i due mesi "senza nome", oggi corrispondenti a Dicembre e Gennaio. Il Sole scendeva ogni giorno pi´┐Ż in basso, fino al Solstizio (il 21 di dicembre, i Saturnali).

E' pieno Inverno, la natura dorme, le piante cessano la fotosintesi e non c'´┐Ż crescita nei loro meristemi, gli animali sono in letargo o sono gi´┐Ż migrati verso paesi lontani, la campagna ´┐Ż avara e ostile, si consumano le scorte fatte durante l'estate, il ghiaccio copre ogni cosa ' tutto sembra morto, immobile, non pi´┐Ż capace di risorgere. I saggi sanno per´┐Ż che in questa morte apparente c'´┐Ż invece una lenta ma inesorabile preparazione alla vita, che rifiorir´┐Ż rinnovata, purificata e rinvigorita nell'imminente primavera. C'´┐Ż un grande lavorio sotto le zolle, sotto le cortecce degli alberi, sotto la pelle degli animali, si avvicina la Caridelora, il Sole comincia di nuovo riscaldare, anche se ancora debolmente, si sciolgono i primi ghiacci, l'acqua ritorna scorrere, le prime piante iniziano a germogliare, la primavera ha Inizio, quella esoterica, ossia quella della natura.

LA PURIFICAZIONE.

Dice il proverbio, " per la Candelora dell'inverno siamo fora [fuori]", inizia FEBBRAIO. Febbraio deve il suo nome a FEBRUARE, che significa PURIFICARE. Dovete pensare che un tempo, diversamente da quanto succede oggi, si mangiavano cibi conservati solo in inverno (e non tutto l'anno), perch´┐Ż in inverno non c'erano prodotti freschi. Purificarsi per la Candelora era sia una pratica corporale che spirituale, ossia si doveva pulire il corpo dai cibi non troppo Il sani" mangiati durante l'inverno, inoltre si doveva purificare lo spirito per prepararlo alla gioia della primavera. C'erano e ci sono vari modi per operare questa purificazione, e cose che un tempo erano spontanee, fatte sull'esempio della natura, oggi assumono sempre pi´┐Ż un significato falso, svuotato di contenuto, ridotto a stupido oggetto di mercato. La PURIFICAZIONE che interessa agli Iniziati e che oggetto della Scienza Esoterica, ´┐Ż un preciso processo spirituale che risveglia nell'individuo quelle forze naturali capaci da sole, ma sotto il controllo spirituale, di operare dei veri miracoli, di ringiovanire, tonificare, ridare quella voglia di vivere senza la quale anche il corpo cade in un inesorabile declino.

Una cosa che ben prestano imparanogli Iniziati ecoloroche seguono l'Anno Magico, ´┐Ż la potenza estrema della volont´┐Ż. Gi´┐Ż tante volte avete sentito dire che il Mago non deve "desiderare" ma deve "volere". Con questo non si deve intendere che bisogna essere ostinati o testardi per ottenere qualcosa, la volont´┐Ż di cui si parla ´┐Ż la fermezza della volont´┐Ż, che non ´┐Ż testardaggine, il testardo ´┐Ż un debole che non ammette le proprie mancanze, niente di pi´┐Ż. La volont´┐Ż di cui si parla in Magia ´┐Ż volont´┐Ż di fare e di essere, non pu´┐Ż esistere una volont´┐Ż svuotata di contenuti, o una volont´┐Ż rassegnata, o una volont´┐Ż che cede facilmente di fronte ad ogni ostacolo.

La Candelora sa infondere la volont´┐Ż di vivere. Immaginate questa volont´┐Ż come un ordine che si trasmette a tutte le vostre cellule, a tutti i vostri organi e tessuti e impone loro di riprendere a lavorare, di pulirsi in profondit´┐Ż, di eliminare le parti vecchie, di produrne delle nuove, tutto fino all'ultima cellula dei corpo. Immaginate poi questa voglia di vivere come un'aurea luminosa che vi avvolge, che guida i vostri passi, che rende sempre nuove e piacevoli le giornate, che vi spinge ancora ad essere curiosi verso le bellezze dei mondo, verso l'amore, verso il sapere. E'questa la grande potenza della Candelora, guidata da Intelligenze Superiori.

Questa stessa forza ´┐Ż quella che permea ogni angolo della natura, che riempie di infusori le pozzanghere ai primi raggi di sole, che fa nuotare i girini nello stagno, che fa rompere le zolle al germoglio che fa capolino verso la luce. L'uomo pu´┐Ż credere di essere andato oltre e di aver capito tutto, ma prima o poi si accorge che non ´┐Ż vero, e se non ritorna a vivere in armonia con se stesso e le forze dei creato non potr´┐Ż pi´┐Ż fare un solo passo avanti n´┐Ż verso la conoscenza, n´┐Ż tantomeno, verso la felicit´┐Ż.

Note Esoteriche

Analogie tra i s´┐Żstemi energetici previst´┐Ż da varie scuole esoteriche

 Il Coduceo secondo la Golden Dawn. Si noti che i 7 Sephiroth inferiori sono allacciati dai Serpenti Gemelli.

Ida e Pingala attorno al Sushumma, dei tutto simili al Caduceo di Ermete.

Il sistema del Kundal´┐Żni Yoga, con i 7 chakra.

Il Pilastro di Mezzo dei sistema della Golden Dawn.

Il significato profondo di ImboIc ´┐Ż quello di una mistica rinascita. Nella cultura esoterica non si fa mai distinzione tra un piano puramente spirituale ed uno puramente materiale. Per questo Imbolc ovvero la Candelora, ´┐Ż definito, fin dai tempi pi´┐Ż antichi, la Fonte di Giovinezza, per evidenziare le sue virt´┐Ż catartiche e rinnovatrici che si esplica´┐Żno sia nello spirito che nel corpo. Oggi sono sempre pi´┐Ż numerose le persone e le correnti di pensiero che ammettono una stretta connessione tra psiche e benessere, tra pensiero positivo e forma fisi´┐Żca. 

L'Albero sefirotico secondo Kicher

La scienza esoterica sia orientale che oc´┐Żcidentale, conosce e studia da moltissimo tempo l'importanza di una profonda puri´┐Żficazione che coinvolga mente e corpo, mediata unicamente da componenti spirituali. Ad esempio nel Kundalini Yoga si conside´┐Żra l'essere umano come unit´┐Ż inscindibile di corpo, mente e spirito e solo dalla buona salute di tutti e tre questi fattori si ha equili´┐Żbrio e benessere, mentre qualsiasi squilibrio di uno si essi si riperquote anche sugli altri.

Nella tradizione del Raja Voga si parte dalla considerazione di un meridiano (nadi) o ca´┐Żnale energetico centrale pi´┐Ż profondo, detto Sushumma, posto in corrispondenza della colonna vertebrale fino all'apice della testa. Ai lati di Sushumma corrono altri due canali energetici fondamentali, espressione dello Ym e dello Yang, del maschile e del femminile, del Lunare e del Solare, essi vengono detti rispettivamente Ida (femminile, posto a si´┐Żnistra) e Pingala (maschile, posto a destra). Essi sono spesso raffigurati come due serpenti che si attorcigliano per 3 spire e mezzo attor´┐Żno al pilastro centrale (Sushunna).

Paradigma della Grande Opera [Triomphe herm´┐Żtique]

Da Ida e da Pingala discendono le due ener´┐Żgie (Yin e Yang, Luna e Sole) che fanno risa´┐Żlire la kund´┐Ż´┐Ż, ovvero l'energia derivante dalla loro fusione, attravesro il pilastro cen´┐Żtrale, lungo il quale sono disposti i Chakra (lett. "ruota"). Senza entrare nel dettaglio questi Chakra sono luoghi energetici che provvedono al controllo e alla ridistribuzio´┐Żne dell'energia alle restanti parti dei corpo (chi desidera approfondire pu´┐Ż consultare uno dei tanfi testi sullo Yoga oggi in commer´┐Żcio). Alla base della colonna dorme il Ser´┐Żpente, la Kundalini, che dovr´┐Ż risalire per i 7 Chakra (1 + 7 = 8). Da ciascun Chakra, sem´┐Żpre secondo il Raia Yoga (Yoga Regale) ori´┐Żgina una sfera energetica che avvolge il cor´┐Żpo fisico e lo controlla, tutti questi gusci ener´┐Żgetici (in totale 7) formano l'Aura, nella qua´┐Żle lo yogi riesce a leggere lo stato di salute fisica e spirituale dell'individuo, ossia ogni perturbazione spirituale, ogni squilibrio ener´┐Żgetico si ripercuote sul corpo fisico, e vice´┐Żversa, "spirito, mente e corpo" sono cio´┐Ż un'unit´┐Ż inscindibile, la salute dell'uno e anche la salute dell'altro, occorre cio´┐Ż un perfetto equilibrio tra tutte le parti. Ho voluto descrivere questa interconnessione tra spirito e materia, servendomi dei mo´┐Żdello Yoga perch´┐Ż ´┐Ż il pi´┐Ż conosciuto e il pi´┐Ż facile da capire, avrei potuto fare lo stesso usando altri modelli derivanti da altre scuole di pensiero esoterico, ad esempio nessuno pu´┐Ż negare (si veda la figura a lato) la stretta analogia tra il sistema della Kundali´┐Żni e l'Albero della Vita della Qbbalah, o il Caducco di Erinete, o lo schema genera´┐Żle della Grande Opera dell'Alchimia, tan´┐Żto per citare i pi´┐Ż conosciuti.

Lo studioso tenga presente che NESSUNO di questi modelli ´┐Ż la realt´┐Ż, ma ciascuno, per dirla all'orientale ´┐Ż un darsana un "punto di vista", che tenta di razionalizzare un proces´┐Żso che possiamo solo sperare di intuire in tutta la sua grandezza. Per questo lo studioso dell'Arte Suprema non deve mai illudersi di possedere tutta la verit´┐Ż, n´┐Ż deve disprezzare chi la cerca percorrendo altre vie, anzi, la sua stessa ricerca deve essere continua e sempre aperta e rispettosa delle idee altrui.

Alchimisti al lavoro. Si noti la fortissima somiglianza con il sistema energetico della Kuridalini. [Philippus Ulstadius, Coelum Philosophorum, Paris, 1544]

L´┐ŻAzione Catartica del Festival di Imbolc.

 

Come il sole inizia ad allungare il passo rispetto alla notte, cos´┐Ż nello spirito dell'iniziato deve comparire la Luce, dapprima fioca, poi sem´┐Żpre pi´┐Ż fulgida, fino a quell'ideale di purezza che abbiamo pi´┐Ż volte descritto nel "mito dell'Unicorno" e che ricorderemo molto breve´┐Żmente pi´┐Ż avanti anche in questa sede.

Questa purezza, come ci ha mostrato il sistema della Kundalini, inte´┐Żresser´┐Ż l'individuo in tutta la sua complessit´┐Ż di corpo, mente e spi´┐Żrito, come se ci abbeverassimo ad una FONTE DI GIOVINEZZA, una vera RINASCITA (rebirthing) substanziale, che nello Sciama´┐Żnesimo e sempre presente e segue al buio corrispondente alla ni´┐Żgredo del Festival di Yule e che viene rinnovata ogni Anno per garan´┐Żtire al medicine man la doppia vista (percepire il male nel corpo e nello spirito), nonch´┐Ż per la propria purezza indispensabile per con´┐Żservare forza, equilibrio e poteri.

Febbraio, dal latino Februarius derivato da februus, ossia purifica´┐Żtorio ´┐Ż da sempre il periodo dell'Anno riservato alla purificaz´┐Żone, che essotericamente ha il significato di preparazione alla primavera, mentre, pi´┐Ż esotericamente, acquista il profondo significato di catar´┐Żsi iniziatica e di rigenerazione profonda.

Imbolc, la "Candelora" Celtica.

Tre mesi dopo Sarnain e quaranta giorni dopo Yula, il I' di Febbraio si svolgeva la festa di Imbolc dedicata alla dea Brigit, era, nat´┐Żturalmente una festa di purificazione, in cui si esaltava il Fuoco, ma soprattutto l'Acqua Lustrale. Bride o Brigit era di natura trina, aveva cio´┐Ż altre due sorelle a lei identiche e di nome Bride e svolgeva tre funzioni in quan´┐Żto era protettrice dei guaritori, dei fabbri e dei poeti. Portava il soprannome di Belisa´┐Żma, la "Splendente"; al suo culto non erano ammessi uomini al pari delle vestali romane; a lei erano consacrate 19 sacerdotesse. Come sempre succede alle antiche festivit´┐Ż pagane, al posto della antica dea Bride subentr´┐Ż, pro´┐Żprio il I' Febbraio, il culto di Santa Brigitta di Kildare (Saint Brigit badessa di Kildare, 450 ‑ 525 d.C.) la quale eredit´┐Ż tutte le caratteri´┐Żstiche di Brida. Si racconta infatti che nel´┐Żl'abazia in cui Brigitta era badessa ella faceva alimentare un Fuoco perpetuo, del tutto si´┐Żmile a quello di Brida e di Vesta. Brigitta, di´┐Żvenuta seconda patrona d'Irlanda (dopo S. Patrizio), resta ancora oggi protettrice di fab´┐Żbri, poeti e medici e viene raffigurata nell'ar´┐Żte con una fiamma sopra la testa e, a volte, con accanto una mucca, che vedremo, fu un altro attributo di Brida.

 Vaso mistico (Coppa, Fonte) in cui si uniscono e si purificano le due sostanze (Sole e Luna, Ying e Yang) per generare il Caduceo. [Antico manoscritto, Figuram aegyptiorum secretarum]

Poich´┐Ż il nome "Brigit" spettava alla badessa di Kildare, i trascrittori della tradizione ga´┐Żelica dovettero adottare nuovi nomi per pre´┐Żsentare l'antica divinit´┐Ż nei loro racconti e cos´┐Ż la si pu´┐Ż facilmente identificare in Ei´┐Żthen´┐Ż, Etaine, Bodbh, Morrigan, ma soprat´┐Żtutto in Boinn (o Boyne, o Boann) la ´┐ŻVacca Bianca´┐Ż. A prescindere dal significato spregiativo che oggi assume´┐Żrebbe un tale appellativo, nei tempi antichi e in una societ´┐Ż di pastori tale nome indicava massima prosperit´┐Ż e purez´┐Żza (si pensi alle Vacche Sacre dell'India), e ci´┐Ż spiega anche la presenza del bovino nei di´┐Żpinti di Santa Brigida. Boinn era sposa di Elcmar (o Ne´┐Żchtan), simile al Nettuno lati´┐Żno, ma guardiano non tanto del mare bensi delle fonti e delle fontane. In particolare Elcmar possedeva una Fonta´┐Żna miracolosa, la Sorgente di Segais, capace di ridona´┐Żre giovinezza e verginit´┐Ż a chi le aveva perdute, nonch´┐Ż di curare ogni male.

I pi´┐Ż attenti avranno gi´┐Ż nota´┐Żto il simbolismo esoterico del´┐Żl'unione del Fuoco (Boinn´┐ŻBrida) con l'Acqua (Elcmar´┐ŻNettuno) per generare la Fon´┐Żte di Giovinezza e purifica´┐Żzione (Imbolc). Per purificar´┐Żsi in questa Fonte si dovevano prima compiere tre giri nel senso oppo´┐Żsto al cammino del Sole, questo percorso "sinistroso", come ha gi´┐Ż fatto notare jung indica un regresso all'infanzia a ritroso nel tempo, i 3 giri coincidono con i nodi di Ida e Pingala della Kundafini Yoga e del Caduceo di Ermete. Si tratta quindi non solo di un per´┐Żcorso a ritroso nel tempo ma una discesa dentro le parti pi´┐Ż nascoste del S´┐Ż, per poi rinascere a nuova vita, il che ci ricolle´┐Żga all'iniziazione sciamanica.

Brida aveva 19 sacerdotesse, 19 ´┐Ż il numero del Ciclo Metonico, ossia ogni 19 anni le Fasi lunari cadono nello stesso giorno del´┐Żl'Anno solare; questo ci indica di nuovo la congiunzione, la "coincidentia" Luna‑Sole, Acqua‑Fuoco, Y1 e Yang, come punto di equi´┐Żlibrio necessario e sacro allo stesso tempo. Secondo Diodoro Siculo, Apollo Iperboreo aveva una vasta area a lui consacrata in terra celtica in cui discendeva ogni 19 armi. I:Apol´┐Żlo celtico ´┐Ż caratterizzato soprattutto dalla funzione medica, che esplica mediante l'uso combinato del Fuoco e dell'Acqua di una Fontana sacra. Nel testo della miti ca Battaglia di Mag Tured si narra che i cadaveri vengono dapprima messi nel Fuoco e poi gettati nella Fontana di Salute per farli rinascere pi´┐Ż forti e pi´┐Ż vigorosi di prima. La famosa Fontana di Barenton (ancora oggi visibile) veniva descritta nei testi antichi come ´┐Żcapace di far bollire tutto pur restando pi´┐Ż fredda del m,armo´┐Ż. Infatti i Filosofi dell'Arte dicevano: ´┐ŻNoi pur´┐Żfichiamo con il Fuoco e brucia´┐Żmo con l´┐Żacqua´┐Ż.

L´┐ŻOrso 

´┐ŻI saggi dicono Che nella foresta sta una bestia selvaggia, Dalla pelle del nero pi´┐Ż intenso. Se qualcuno le taglia la testa, La sua negrezza sparir´┐Ż Per dare posto ad un niveo candore .. ´┐Ż [Luois M´┐Żnard, Atude sul l`origine des l´┐Żvres antiques]´┐Ż

Nei giorni prossimi alla Candelora, si festeg´┐Żgiano in l'Europa numerosi Sant'Orso, il pi´┐Ż noto ´┐Ż quello di Aosta, di origine Irlandese (celtica), che si festeggia il 10 Febbraio. Ab´┐Żbiamo gi´┐Ż visto, nella circolare di Yula, come l'Orso sia una rappresentazione della nigw´┐Żdo, ossia di quello stadio immediatamente precedente alla prima illuminazione. L´┐Żor´┐Żso compare inoltre, come animale iniziato´┐Żre, in molte culture sciamaniche. E' inutile dire che il Sant'Orso festeggiato il 1´┐Ż Febbra´┐Żio possedeva una Fontana miracolosa, da lui stesso fatta scaturire dalla roccia nei pressi di Buss´┐Żyaz, chiamata appunto ´┐ŻFontana di Sant'Orso" e che continua ancora oggi a of´┐Żfrire la sua acqua, sotto la cappella fatta co´┐Żstruire nel 1649.

Nelle Alpi orientali in occasione del periodo della Candelora si tenevano, fino a poco tem´┐Żpo fa, i ´┐Żballi dell'orso´┐Ż il cui significato ha posto non pochi interrogativi agli antro´┐Żpologi, e che invece ´┐Ż chiaro per gli studiosi di ermetismo. La "cacciata dell'orso" non in´┐Żdica banalmente, come hanno ipotizzato i suddetti, la sconfitta della brutta stagione, anche perch´┐Ż ´┐Ż vero il contrario, e cio´┐Ż che l'orso esce dal letargo proprio all'inizio del´┐Żla primavera, cacciarlo significherebbe il ri´┐Żtorno dell'inverno. La "cacciata dell'orso" ha invece l'antico significato di "purificazione della nigredo". Come dice il filosofo: ´┐ŻQuando il nero colore della bestia ´┐Ż sva´┐Żnito in fumo, i Saggi si rallegreranno ... ´┐Ż [Musaeum Hermeticum, traduz. Arthur E. Waite]

In Valle di Susa, a Urbiano, ogni anno nel gior´┐Żno di Santa Brigida (1´┐Ż Febbraio) si svolge una festa che ricalca la tipica struttura co´┐Żreutica della ´┐Żdanza dell'Orso´┐Ż, si tratta di una tradizione molto antica, rintracciabile nei culti precedenti all'invasione romana, cio´┐Ż derivante dalla cultura celtica di oltralpe.

 La dea cettica Artio. [Statuetta del 11‑111 sec. d. C.]

 Abbiamo gi´┐Ż visto come il cinghiale, altro simbolo del passaggio dal nero alla Luce, sia usato in certe usanze tribali come "Atanor" esterno per le trasmutazioni, lo stesso succe´┐Żde all'orso in una cerimonia degli Ainu del giappone, in cui un giovane orso viene alle´┐Żvato a partire dalla fine dell'inverno (cio´┐Ż cir´┐Żca dagli inizi di febbraio) fino all'autunno, in cui ´┐Ż sacrificato durante una complessa ceri´┐Żmonia intesa a liberare lo spirito dell'Orso affinch´┐Ż diventi mediatore presso le potenze divine.

L´┐ŻOrso ´┐Ż dunque la fase di transizione tra ni´┐Żgredo e albedo, tra sostanza mescolata e la ´┐Żpietra lunare" di puro argento di Imbolc. Una statuetta celtica rinvenuta nei pressi di Berna e risalente al II ‑III sec. d.C. mostra la dea Ardo seduta davanti ad un orso che sbuca dalla foresta. il gruppo statuario va letto in successione temporale, dapprima la nerezza della Foresta, ossia lo stadio totalmente oscu´┐Żro e inconsapevole ma sacro, quindi l'orso che prorompe dalla protomateria per essere trasformato e purificato nella dea dalle can´┐Żdide vesti. Questa raffigurazione ha lo stesso significato dell'Etiope che esce dalle acque oscure dello Splendor Solis.

L'UNICORNO 

Molti animali rappresentano gli stadi di tran´┐Żsizione tra la nigredo (Yula, i Saturnali) e l'al´┐Żbedo (Imbolc, la Candelora), ma nessun ani´┐Żmale reale poteva bastare per rappresentare quello stadio di estrema purezza, di rin´┐Żnovata giovinezza spirituale e materiale, e nel contempo di grande elevazione che ´┐Ż il pro´┐Żdotto finale del Festival di Imbolc. Solo un animale fantastico, appositamente costruito, come l'Unicorno poteva racchiudere in s´┐Ż tutto questo. Le prime descrizioni dell'Unicorno a noi note risalgono a Ct´┐Żsia di Cni´┐Żdo (IV secolo a.C.), a testimonianza di quan´┐Żto sia antica e radicata nel tempo la simbolo´┐Żgia esoterica, egli lo descrive della grandezza di un cavallo, il corpo bianco, la testa color porpora, gli occhi bluastri, e con al centro della fronte un corno lungo un cubito (pi´┐Ż o meno come dal gomito alla punta delle dita estese). Nel corno pone i tre classici colori dell'Arte: nero, bianco, rosso. Questo cor´┐Żno, egli dice, trasformato in una coppa per bere, ´┐Ż in grado di vincere ogni veleno. La coppa, come simbolo, ´┐Ż un ricettacolo di for´┐Żze superiori (la stessa dea Ardo regge una coppa), e la liberazione dal veleno va intesa come purificazione profonda, rigenera´┐Żzione, rinascita fisica e corporea, nel sen´┐Żso gi´┐Ż descritto appunto per il Festival di Im´┐Żbolc. La testa ´┐Ż rossa, ad indicare che il pro´┐Żcesso di evoluzione spirituale ´┐Ż continuo, e il bianco contiene gi´┐Ż il rosso, come il nero conteneva il bianco. Dice infatti Eximigna´┐Żno nella Turba: ´┐ŻE sappiate che nel ventre della nerezza ´┐Ż nascosta la bianchezza; tra´┐Żetela fuori come sapete e poi traete dal ventre di questa bianchezza il rosso, come voi vorrete, giacch´┐Ż tutto poggia su questi tre punti´┐Ż. La bian´┐Żchezza ´┐Ż an´┐Żche l'Albero d'Argento dei Giardi´┐Żno dei Filo´┐Żsofi, il frut´┐Żto della Luna‑Isi´┐Żde alta´┐Żmente puri´┐Żficato. E' il volatile fis´┐Żsato, l'in´┐Żconscio reso pi´┐Ż conscio, tra Yin e Yang. Non per niente Sant'Orso ´┐Ż raffigurato con un uccellino appollaiato sulla spalla. Dice Platone nella Turba ´┐ŻSveglia la bestia selvaggia, mettile vicino degli uccelli domestici che l'afferrino e le impediscano di volare; poi quando essa verr´┐Ż presa, d´┐Ż da mangiare agli uccelli il suo fegato e il suo sangue. E al Cavallo bianco che tu monti, fa una bella coperta: e il cavallo si far´┐Ż un Leone forte ricoperto di fulvo pelo. Sotto l'uno e l'altro c'´┐Ż un Grifone´┐Ż. Tutto questo ci ricorda una leggenda che ri´┐Żguarda Sant'Orso, egli infatti, mentre dava da mangiare ai suoi uccellini, vide passare un palafreniere che lamentava di aver perso il cavallo pi´┐Ż bello del suo signore. Orso gli apr´┐Ż gli occhi facendogli osservare che stava mon´┐Żtando proprio quel cavallo e solo la sua poca fede gli impediva di vedere e di riconoscere le cose. 

´┐ŻLac v´┐Żrginis, v´┐Żnum ardens." Rigenerazione attraverso il Fuoco e l'Acqua l'equilibrio [Tractatus qui dicitur Thomae Aquinatis de alchimia, 1520] 

La Luce della Candelora. 

Purificazione, rinnovamento, rinascita, Fonte di Giovinezza, nuova Luce che si diffonde, sono tutti aspetti di Imbolc. Pas´┐Żsano i secoli e i millenni ma il significato del´┐Żle date fondamentali del Calendario non cam´┐Żbia. Ad esempio dal VII secolo d.C. il 2 Feb´┐Żbraio ´┐Ż la ricorrenza della Presentazione al tempio del Signore. Secondo la legge ebraica ogni primogenito, compiuti i quaranta giorni di vita, doveva essere presentato al tem´┐Żpio dal padre; in quella occasione avveniva anche la purificazione rituale della madre. La Candelora dista appunto quaranta giorni dal Natale, ed ecco allora che il significato di Luce che aumenta e che si diffonde e di purificazione assume un valore ancora pi´┐Ż elevato. Molto simbolica era anche l'antica Festa della Candelora che prevedeva dapprima una processione per le strade dei paese a ceri spenti [nigredo], poi tutti i devoti, pri´┐Żma di entrare in chiesa, accendevano la can´┐Żdela [albedo], attingendo da un unico cero posto nell'ingresso. Qui il simbolismo di te´┐Żnebra e quindi Luce che proviene da unica fonte ´┐Ż chiaro, ma i fedeli, se numerosi, po´┐Żtevano anche far accendere il vicino diretta´┐Żmente dalla propria candela, divenendo in tal modo loro stessi portatori della nuova Luce. Con le candele accese si entrava in chiesa, quasi per nascondere la verit´┐Ż ai profani...


| Significato dei segni | Significato dei Pianeti | Calcolo dell'Ascendente | Significato dei Tarocchi | I Talismani dell'Abate Julio | Le Pietre Portafortuna | I Simboli delle Rune | Programmi Esoterici | Festival Esoterici | Altri Link | Home |
Pagine disegnate da: Sam                              Per un consulto Clicca qui